Studio Maurella Tommasi
sisma
26
LUG
2016

Terremoto? Contributi per interventi di miglioramento sismico

Presentazione domande: fino al 15 settembre 2016

 
Territorio: Regione Lombardia
 
BENEFICIARI 

Possono richiedere il contributo le imprese appartenenti a tutti i settori di attività economica Ateco 2007, ad eccezione della sezione A «Agricoltura, silvicoltura e pesca» e che:

  • abbiano un’unità locale e/o una sede operativa destinataria dell’intervento, in uno dei Comuni della Lombardia individuati;
  • esercitino l’attività all’interno dell’immobile oggetto dell’intervento;
  • abbiano provveduto o debbano provvedere a effettuare interventi:di miglioramento sismico con rimozione delle seguenti carenze strutturali:

 

  1. di miglioramento sismico con rimozione delle seguenti carenze strutturali:

 

  • mancanza di collegamenti tra elementi strutturali verticali ed elementi strutturali orizzontali e tra questi ultimi;
  • presenza di elementi di tamponatura prefabbricati non adeguatamente ancorati alle strutture principali;
  • presenza di scaffalature non controventate portanti materiali pesanti che possono nel loro collasso coinvolgere la struttura principale causandone il danneggiamento o il collasso;

 

  1. di miglioramento sismico agli edifici produttivi, nei quali fosse presente all’8 giugno 2012 almeno una delle carenze strutturali indicate al precedente punto 1.

 

INIZIATIVE AMMISSIBILI

Sono ammissibili gli interventi di miglioramento sismico con rimozione di una o più delle carenze precedentemente specificate.
Gli interventi devono essere effettuati sulla base di un progetto redatto secondo quanto previsto dalle Norme tecniche per le costruzioni e finalizzati al raggiungimento di almeno il 60 per cento della sicurezza richiesta ad un edificio nuovo.

Sono ammissibili gli interventi realizzati dopo il 20 maggio 2012.

INTENSITÀ DI AIUTO

L’agevolazione prevista nella presente Ordinanza consiste in un contributo a fondo perduto fino ad una misura massima corrispondente al 70% della spesa ritenuta ammissibile. Il contributo concedibile non potrà, in ogni caso, essere superiore ad Euro 500.000 per beneficiario, anche nel caso di interventi su più immobili.

Lo studio rimane a disposizione per eventuali manifestazioni d’interesse.

 

Lascia un commento

*

captcha *